fbpx

Mancano ancora alcune settimane alla data prevista per il parto, ma è meglio iniziare a pensare alla valigia che porterai con te in ospedale.

Innanzitutto devi decidere che borsa o valigia utilizzare. Dovrà essere abbastanza capiente per contenere tutto il necessario per te e per il tuo bambino, ma non troppo ingombrante o pesante.

Oggigiorno esistono bellissime borse pensate proprio per questo momento speciale, con tanti scomparti in cui tenere i vari cambi per il bebè e tutto l’occorrente per la puerpera. Magari potresti fartene regalare una dai futuri nonni o dalle amiche sempre alla ricerca d’idee regalo per la neo mamma.

Una volta scelta la borsa da utilizzare, ti consigliamo di recarti nel reparto di maternità del tuo ospedale e per farti consegnare la lista con gli indumenti consigliati o richiesti per la degenza di mamma e bebè, se non l’hai già ricevuta in occasione dei controlli o al corso preparto. Ogni ospedale ha le sue consuetudini, dettate dall’organizzazione del reparto e del personale.

In ogni caso, è bene avere tutto l’occorrente per sé e per il bambino a portata di mano già al settimo mese di gravidanza, in modo da non farsi trovare impreparate se dovesse decidere di nascere in anticipo. È consigliabile comunque avere la valigia pronta in camera non più tardi di un mese prima della data prevista per il parto.

Cosa mettere in valigia?

Fatto salvo che ogni ospedale può avanzare delle richieste particolari, in linea di massima questi sono gli elenchi con le cose necessarie per la degenza.

Per la mamma:

  • almeno tre camicie da notte in cotone, aperte sul davanti, non troppo lunghe, comode e con le maniche ampie;
  • una vestaglia di lana o di cotone, a seconda della stagione;
  • un paio di asciugamani e un accappatoio;
  • un paio di pantofole;
  • due-tre paia di calzettoni
  • mutande comode, possibilmente in rete usa e getta, per i primi giorni dopo il parto;
  • assorbenti igienici preferibilmente da notte per le lochiazioni (perdite abbondanti post parto);
  • una fascia o guaina post parto;
  • due-tre reggiseni da allattamento, con le coppe in cotone apribili e regolabili, confortevoli e di almeno una taglia in più per la montata lattea;
  • una confezione di coppette assorbilatte;
  • tutto il necessario per l’igiene personale e una soluzione disinfettante per l’igiene intima, necessaria in caso di sutura;
  • prodotti per l’igiene e la cura del seno: un detergente specifico e una pomata antiragadi per i capezzoli;
  • un sacchetto per la biancheria sporca;
  • un cambio completo per quando si esce dall’ospedale;
  • la cartella con tutti gli esami eseguiti durante la gravidanza;
  • la tessera sanitaria.

Per il neonato

  • cinque body in cotone o misto lana-cotone a seconda della stagione;
  • cinque mutandine in spugna;
  • cinque tutine di spugna o tessuto elasticizzato, con piedini e bottoni a pressione;
  • due golfini di lana o cotone;
  • cinque paia di calzettini di cotone o lana;
  • una cuffietta;
  • una tutina imbottita per il ritorno a casa;
  • una copertina legggera;
  • per l’igiene (durante la degenza l’ospedale dovrebbe fornire tutto ma è meglio procurarsi l’occorrente per quando si rientra a casa): garze sterili e retine per medicare il moncone ombelicale, olio e latte detergente per la pulizia del bebè, salviettine detergenti, pannolini e crema anti arrossamento per il sederino.

Ora che hai tutto pronto non ti resta che aspettare serenamente il grande giorno.  Emozionata vero?